A Bellaria Igea Marina a 10 minuti dal mare

Al centro di tutto, in qualunque modo desideri vivere la tua vacanza

All’Hotel Pozzi sei al centro della tua vacanza a Bellaria Igea Marina, vicinissima  a Rimini. Qui ogni giorno diventa unico, perché scegli tu come viverlo al meglio, avvantaggiato da una posizione comoda per ogni tua decisione.

Inoltre per una vacanza all’insegna del benessere sei a pochi minuti dalle Terme di Rimini e vicino a Cervia Terme.

Sei in Riviera Romagnola per lavoro? All’Hotel Pozzi sei nel centro della vita fieristica perché vicino alla Fiera di Rimini, a pochi minuti di auto dal nuovo Palazzo dei Congressi di Rimini e vicino al Palazzo dei Congressi di Bellaria.

Hotel Pozzi

Preziosi itinerari nell'arte e nella storia

Spunti, consigli e piccole idee per programmare il tuo itinerario nell'entroterra romagnolo. Queste mete affascinano milioni di turisti tutto l'anno e racchiudono punti di interesse di importanza culturale e storica. Lasciati affascinare e comincia il tuo viaggio: la mappa interattiva ti offre un prezioso aiuto mostrandoti nel dettaglio ogni distanza dall'Hotel Pozzi.
Lasciati incantare dalle meraviglie di una città composta da due metà opposte. Da una parte il fascino antico della parte romana, simbolizzata da monumenti come il millenario Arco d'Augusto e il Ponte di Tiberio. Dall'altra la Rimini di Fellini, con il suo borgo caratteristico e la magia del Grand Hotel affacciato sul mare.
Da questa piccola città che domina la Valmarecchia vedi un panorama mozzafiato che accompagna il tuo sguardo fino al mare. La rocca è stata completamente ricostruita  per volere di Federico III di Montefeltro nel XV secolo e poi trasformata in prigione durante il dominio pontificio, periodo in cui vi fu rinchiuso il Conte di Cagliostro.
La meta ideale per riscoprire la storia di un amore antico, quello di Paolo e Francesca narrato da Dante nel V Canto dell'Inferno. Il Castello di Gradara fece da cornice all'infelice vicenda dei due amanti e qui è ancora possibile visitare la camera di  Francesca dove la coppia si incontrò per l'ultima volta.
La Repubblica Sanmarinese, la più antica d'Europa, è suggestiva da visitare per un grande salto indietro nel tempo. Questo piccolo stato è formato da 9 castelli, tutti con un'affascinante storia da raccontare, tra torri, ponti sospesi e misteriose leggende del Monte Titano.
Questa frazione di Torriana è famosa per il castello che ospita, legato ad una suggestiva leggenda. Si narra che qui si senta ancora la voce del fantasma di Guendalina Malatesta, meglio nota come Azzurrina, prematuramente scomparsa il 21 giugno del 1375, il giorno del solstizio d'estate durante un temporale.
Questa è la città storicamente più importante della Romagna, rinomata per le sue origini etrusche. La città è uno scrigno d'arte, nominata per tre volte capitale durante la storia: nelle ultime fasi dell'Impero Romano d'Occidente, durante il regno dei Goti di Teodorico e infine, sotto il dominio bizantino.
Dalla Rocca di Torriana è possibile godere di una vista panoramica che comprende la riviera Romagnola, la vallata del fiume Marecchia e l'entroterra da Rimini fino alla Toscana. Degno di attenzione è il  Santuario-eremo Beata Vergine del Carmelo di Saiano risalente al XIV secolo, con due affreschi del 1500 e una statua in gesso del XVI secolo.
Questo borgo di origini antiche che domina la parte bassa della Val Marecchia è situato in posizione strategica tra il mare e la collina. La Rocca Malatestiana o “Rocca del Sasso” è una delle testimonianze meglio conservate dell'omonima signoria. Particolarmente suggestive sono la Sala Grande, il Maschio e le segrete.
Questa città della provincia di Ravenna è strettamente connessa alla produzione del sale, una tradizione già risalente al periodo etrusco. Il Sale di Cervia è detto “dolce” per una più limitata presenza di sali amari. Scopri tutto il fascino di questa città al Museo del Sale, dove sono raccolti molti documenti e testimonianze.
Questa città risale al 268 a.C., creata dai romani come snodo commerciale sulla Via Emilia. Sul Colle Giove, ancora oggi si distingue la struttura tipica del borgo fortificato medievale, e lì si trova il centro del paese antico. I Malatesta dominarono la città fino al 1462, anno in cui fu saccheggiata dalle truppe di Federico di Montefeltro.
Da
A
Mezzo